Impresa 4.0 | Attivo il Bando “Punto Impresa Digitale” (PID), supporto alla digitalizzazione delle MPMI | Come ottenere il Voucher

Tutti i principali vantaggi dell’ERP SAP Business One versione 10
17 Dicembre 2020

Una iniziativa delle Camere di Commercio e di Unioncamere a supporto della digitalizzazione delle imprese nel contesto sfidante di Impresa 4.0. è il nuovo bando “Punto Impresa Digitale” (PID), al via dall’11 Gennaio 2021

LA CCIAA di tutta italia hanno intrapreso iniziative per la digitalizzazione delle imprese

 

Per il territorio di Frosinone e Latina, le Camere di Commercio hanno pubblicato il bando “Punto Impresa Digitale” (PID), della dotazione finanziaria di 405.493,90, da erogare alle MPMI dei territori interessati, sulla base di OBIETTIVI di:

  • Promuovere l’utilizzo di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;
  • Favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale

 

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili, con l’utilizzo di contributi a fondo perduto (voucher) progetti presentati da singole imprese.Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale ricompresi nel presente Bando dovranno riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1 con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2.

Elenco 1: utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi e, specificamente:

  1. prototipazione rapida;
  2. internet delle cose e delle macchine;
  3. robotica avanzata e collaborativa;
  4. cloud, fog e quantum computing;
  5.  interfaccia uomo-macchina;
  6. cyber security e business continuity;
  7. manifattura additiva e stampa 3D
  8. big data e analytics;
  9. intelligenza artificiale;
  10. blockchain;
  11. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  12. simulazione e sistemi cyberfisici;
  13. integrazione verticale e orizzontale;
  14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, Software Gestionali, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
  16. sistemi di e-commerce;
  17. sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  18. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  19. connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2: utilizzo di altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

  1. sistemi EDI, electronic data interchange;
  2. geolocalizzazione;
  3. sistemi fintech;
  4. sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  5. tecnologie per l’in-store customer experience;
  6. system integration applicata all’automazione dei processi;
  7. tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
  8. programmi di digital marketing.

 

AGEVOLAZIONE

L’incentivo consiste nell’erogazione di un voucher con importo massimo di euro 8.000,00; l’entità massima dell’agevolazione non può superare comunque il 70% delle spese ammissibili.

Alle imprese in possesso del rating di legalità 2 verrà riconosciuta una premialità di euro 200,00 nel limite del 100% delle spese ammissibili e nel rispetto dei pertinenti massimali de minimis.

I voucher saranno erogati con l’applicazione della ritenuta d’acconto del 4%.

La Camera di Commercio si riserva la facoltà di chiudere i termini della presentazione delle domande in caso di esaurimento anticipato delle risorse.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Sono ammissibili alle agevolazioni le imprese che presentino i seguenti requisiti:

1.       Micro, Piccole, Medie imprese

2.      con sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Frosinone Latina;

3.      attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;

4.       in regola con il pagamento del diritto annuale; ualora dall’istruttoria delle domande emerga una situazione di irregolarità nel pagamento del diritto annuale, la Camera di Commercio ne darà comunicazione all’impresa chiedendo alla stessa di regolarizzare entro e non oltre 7 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione camerale

 

FORNITORI DI BENI E SERVIZI

I fornitori di beni e servizi non possono essere anche soggetti destinatari dei voucher. L’impresa dovrà avvalersi esclusivamente per i servizi di consulenza e formazione di uno o più fornitori tra i seguenti:

  • Competence center di cui al Piano nazionale Impresa 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri di ricerca e trasferimento tecnologico, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali
  • incubatori certificati
  • incubatori regionali accreditati
  • FABLAB
  • centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0
  • start-up innovative e PMI innovative
  • Innovation Manager
  • ulteriori fornitori che abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno tre attività per servizi di consulenza/formazione alle imprese nell’ambito delle tecnologie ammissibili al bando

Relativamente ai soli servizi di formazione, l’impresa potrà avvalersi anche di agenzie formative accreditate.

 

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

1.       servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle ammissibili

2.       acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti (eventuali fasi realizzative che determinano la produzione e la realizzazione dei beni e servizi strumentali, come ad esempio attività di sviluppo e/o personalizzazione di software e applicativi, loro installazioni, implementazioni, integrazioni o aggiornamenti, saranno da considerare acquisto di beni e servizi strumentali)

Sono in ogni caso escluse dalle spese ammissibili quelle per:

1        trasporto, vitto e alloggio;

2        servizi di consulenza specialistica relativi alle ordinarie attività amministrative aziendali o commerciali, quali, a titolo esemplificativo, i servizi di consulenza in materia fiscale, contabile, legale, o di mera promozione commerciale o pubblicitaria;

3        servizi per l’acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.);

4        servizi di supporto e assistenza per adeguamenti a norme di legge

Per essere ammessi al contributo, le spese ammissibili ed effettivamente sostenute devono comunque raggiungere o superare l’importo minimo di € 2.000,00.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

A pena di esclusione, le richieste di voucher devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle ore 9:00 dell’ 11 gennaio 2021 alle ore 21:00 del 15 aprile 2021. E’ prevista una procedura valutativa a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

 

 

INTIT Srl | Partner Tecnologico per l’implementazione e formazione per sistemi ERP, Ecommerce B2B, CRM, sistemi MES e Produzione avanzata

Contattaci